#LOOKDIFFERENTLY: COSÌ LA RACCONTANO LE SUE AUTRICI

artstopmonti.lookdifferently

Ci raccontereste un po’ chi siete?

Siamo delle studentesse che frequentano il Liceo Artistico “Via di Ripetta”, ragazze creative e con tanta voglia di vivere, alla ricerca di esperienze nuove che ci portano a scoprire sempre di più il mondo. In particolare ci interessa tutto ciò che riguarda il mondo dell’arte e dell’architettura, ora stiamo affrontando l’ultimo anno di liceo e speriamo di poter intraprendere la strada che ci immaginiamo per il nostro futuro.

Com’è nato il concept della vostra opera?

L’idea dalla quale siamo partite era quella di fare un progetto d’impatto visivo e “instagramabile” quindi che potesse essere postato sui social network. Ci siamo immedesimate in quella folla che ogni giorno transita per la stazione Cavour della metro B e ci siamo chieste cosa avrebbe potuto colpire la loro attenzione. Abbiamo pensato quindi che proprio lo sguardo potesse essere il tema che come un ponte unisse l’opera al passante. Ci siamo perciò suddivise il compito di scattare alcune foto lungo le fermate della linea B, luogo quotidiano che volevamo valorizzare e nello stesso tempo abbiamo scattato foto di occhi che guardano. Inizialmente volevamo creare delle righe alternando le foto scattate da noi dei luoghi e degli sguardi. Successivamente abbiamo deciso di creare l’immagine di un occhio i cui pixel sono le foto scattate da noi per far capire che non sempre ciò che si vede è realmente come appare.

Com’è stato realizzare un progetto e vederlo esposto in un luogo come la stazione metropolitana?

La realizzazione del progetto è stata abbastanza lunga e impegnativa però stimolante nella scoperta di luoghi che non conoscevamo e appagante nel momento in cui l’abbiamo vista realizzata. Siamo grate dell’opportunità che ci è stata data e molto felici che il nostro lavoro sia stato scelto per essere esposto insieme alle altre opere vincitrici del progetto Art Stop Monti.

artstopmonti.lookdifferently

Quali pensate saranno le reazioni del pubblico che osserverà la vostra opera?

Noi speriamo che i passanti riescano a cogliere le nostre intenzioni e siano incuriositi da un modo nuovo di rappresentare la città. Magari a qualcuno potrebbe venir voglia di fare una caccia al tesoro per cercare i luoghi fotografati! Forse qualcuno potrebbe addirittura postarlo sui social network e mettere un tag #LOOKDIFFERENTLY.

Cos’è per voi Roma?

Roma per noi è la città nella quale viviamo e studiamo, luogo di amicizie e svago ma anche di scoperte e di crescita. Sicuramente una città stimolante, ricca di eventi e novità ma anche complicata e a volte dispersiva. Soprattutto per noi ragazzi ci sono mille opportunità, cose da fare e da vedere e se fosse organizzata in maniera migliore tutto sarebbe più accessibile.

Quali sono le vostre aspirazioni per il futuro?

Quello che possiamo sicuramente augurarci per il futuro è di riuscire a trovare la strada che più ci rispecchi. Nel campo dell’arte e dell’architettura secondo gli studi che stiamo facendo adesso ma aperte anche a nuove strade nel caso dovessimo “inciampare” in qualcosa di più interessante. Quello che conta comunque è provare interesse e soddisfazione in ciò che si fà e questo progetto ce l’ha dimostrato.